Portabilità linea fissa: tipologie e funzionamento

Attivazione, migrazione e portabilità

Tutti conoscono il concetto  di “portabilità” nel gergo comune indicato nel passaggio dal vecchio operatore al nuovo.

Procedura diversa è quella della disdetta o recesso contrattuale: in questo caso, non vi è alcun passaggio ad altro operatore.

Ad un esame più dettagliato è possibile distinguere tre diverse tipologie di portabilità:

1)      Attivazione;

2)      Migrazione;

3)      Portabilità del numero pura.

Nel caso di attivazione, la linea telefonica viene trasferita da Telecom S.p.A. ad un operatore alternativo.

Quando invece si parla di “migrazione”, la linea è già presso un operatore alternativo e viene trasferita presso altro operatore (ovvero rientro in Telecom).

Infine, la portabilità del numero pura è quella più “completa”, in quanto comporta il passaggio verso altri operatori dotati di proprie infrastrutture (fibra ottica o radio). Il caso classico è Fastweb.

Cosa deve fare il cliente?

Si riscontra che alcuni nostri clienti, volendo migrare verso altro operatore, contattano il nuovo operatore richiedendo il “passaggio” e successivamente inviava disdetta al vecchio operatore.

Tale procedura è sbagliata!

Come sopra indicato la disdetta/recesso è una procedura diversa dalla portabilità.

Il cliente/utente deve solo rivolgersi al nuovo operatore (recipient) e chiedere l’attivazione della  nuova linea con relativa portabilità.

Sarà poi onere esclusivo dell’operatore avviare la corretta procedura di portabilità rispettando i tempi contrattualmente e legalmente previsti.

Gli obblighi della compagnia

Diversamente da quanto accade, il vecchio operatore (donanting) è obbligato a consentire il passaggio presso il nuovo operatore a prescindere dal decorso dei termine di ripensamento o eventuali morosità del cliente.

Inoltre, lo stesso operatore NON staccare la linea fino all’effettiva attivazione della linea stessa da parte del nuovo gestore, in quanto è necessario garantire all’utente la continuità del servizio.

In tal senso, esiste uno specifico obbligo da parte delle compagnie telefoniche di sincronizzare la procedure tecniche al fine di garantire che il passaggio avvenga con il minimo disservizio possibile.

Analogamente, il consumatore ha anche il diritto di conoscere la data di passaggio del servizio: tale data deve essere concordata tra cliente ed operatore).